Lancio del martello

Una palla di metallo attaccata a un cavo d’acciaio lungo poco più di un metro. Le mani giunte, le braccia distese: bisogna roteare con maestria, muovere i piedi rapidamente e sfruttarne uno come perno, non perdere l’equilibrio e non finire fuori dalla pedana. Semplice? Affatto. Ma è il fascino del lancio del martello. La palla, appunto, pesa 7,26 kg per gli uomini, 4 kg per le donne. Come per il disco, visti i rischi, è obbligatoria la presenza della gabbia a circondare la pedana di poco superiore ai due metri di diametro. Non basta la forza, serve anche tanta tecnica per far volare l’attrezzo e non farlo finire ‘fuori settore’ ovvero al di là dell’area dove potrà essere misurato.
È datato 1986 il record mondiale maschile: 86,74 per il due volte campione olimpico Yuriy Sedikh (Urss). Primatista del mondo femminile è invece la polacca Anita Wlodarczyk (82,98 nel 2016), vincitrice delle ultime tre medaglie d’oro olimpiche e di quattro titoli mondiali.
Per le donne, il lancio del martello ha debuttato nel programma olimpico soltanto a Sydney 2000, con la vittoria della non ancora diciottenne polacca Kamila Skolimowska, scomparsa tragicamente pochi anni più tardi. Esiste anche il ‘martellone’ (o martello con maniglia corta), più pesante e con un cavo dalla lunghezza molto limitata: fu specialità olimpica nel 1904 e nel 1920.
OFFICIAL PARTNERS
BROADCAST PARTNER
Preferred Suppliers
NATIONAL PARTNERS
PREFERRED SUPPLIERS
OFFICIAL SUPPLIERS
MEDIA PARTNERS
TRAVEL RETAIL SUPPLIERS
SUSTAINABILITY PARTNER
TICKETING SUPPLIER
MARKETING SUPPLIER
METAVERSE SUPPLIER
HR SUPPLIER
SUPPLIERS
INSTITUTIONAL PARTNERS
OFFICIAL PARTNERS
BROADCAST PARTNER
NATIONAL PARTNERS
PREFERRED SUPPLIERS
OFFICIAL SUPPLIERS
MEDIA PARTNERS
TRAVEL RETAIL SUPPLIER
SUSTAINABILITY SUPPLIER
TICKETING SUPPLIER
MARKETING SUPPLIER
METAVERSE SUPPLIER
HR SUPPLIER
SUPPLIERS
INSTITUTIONAL PARTNERS

Copyright © 2024. Tutti i diritti riservati.
Privacy PolicyCookie Policy

Copyright © 2023. All rights reserved. Privacy PolicyCookie Policy