400 metri

“Il giro della morte”: basta chiamarlo così per tratteggiarne i contorni. Un giro di pista intero, massacrante, ‘a tutta’, senza respiro, una combinazione di velocità e resistenza.

Si scatta dai blocchi e si corre interamente in corsia, con partenze che non avvengono tutte sulla stessa linea, ma su linee diverse, così che anche gli atleti delle corsie esterne possano percorrere quattrocento metri e non di più.

Nella finale olimpica di Rio de Janeiro 2016 il sudafricano Wayde Van Niekerk ha sfiorato il muro dei 43 secondi: 43.03 è il crono-record. In Europa, il britannico Matthew Hudson-Smith è fresco di primato: 44.26 ai Mondiali di Budapest 2023 per spostare dopo trentasei anni lo storico limite fissato dal tedesco Tomas Schonlebe ai Mondiali di Roma ’87 (44.33). Al femminile è ancora imbattibile il 47.60 della tedesca Marita Koch nel 1985.

 

La vittoria del britannico Eric Liddell alle Olimpiadi di Parigi 1924 è raccontata nel capolavoro cinematografico “Momenti di gloria”. L’olandese Femke Bol, peraltro primatista mondiale indoor dei 400 metri, è stata l’unica donna in grado di vincere l’oro europeo dei 400 e dei 400hs nella stessa edizione continentale, a Monaco 2022.
OFFICIAL PARTNERS
BROADCAST PARTNER
Preferred Suppliers
NATIONAL PARTNERS
PREFERRED SUPPLIERS
OFFICIAL SUPPLIERS
MEDIA PARTNERS
TRAVEL RETAIL SUPPLIERS
SUSTAINABILITY PARTNER
TICKETING SUPPLIER
MARKETING SUPPLIER
METAVERSE SUPPLIER
HR SUPPLIER
SUPPLIERS
INSTITUTIONAL PARTNERS
OFFICIAL PARTNERS
BROADCAST PARTNER
NATIONAL PARTNERS
PREFERRED SUPPLIERS
OFFICIAL SUPPLIERS
MEDIA PARTNERS
TRAVEL RETAIL SUPPLIER
SUSTAINABILITY SUPPLIER
TICKETING SUPPLIER
MARKETING SUPPLIER
METAVERSE SUPPLIER
HR SUPPLIER
SUPPLIERS
INSTITUTIONAL PARTNERS

Copyright © 2024. Tutti i diritti riservati.
Privacy PolicyCookie Policy

Copyright © 2023. All rights reserved. Privacy PolicyCookie Policy