Workshop con gli sponsor al Foro Italico: svelata la mascotte Ludo

In un’epoca in cui lo sport e il business si intrecciano sempre più, la Fondazione Euro Roma 2024, che organizza i prossimi Campionati Europei di Atletica Leggera, ha dedicato una giornata ai partner commerciali dell’evento in programma dal 7 al 12 giugno. Il workshop, andato in scena al Foro Italico, ha rappresentato l’occasione per rafforzare, in primis, il legame tra gli organizzatori della manifestazione e gli sponsor, e per creare un momento di confronto e dialogo sulle opportunità di business, discutendo delle ultime tendenze nell’ambito di marketing, comunicazione, sostenibilità e tech applicati allo sport.
A poco meno di 100 giorni dal via della manifestazione, la lineup degli sponsor attivati dalla Fondazione EuroRoma 2024 in collaborazione con il marketing advisor DAO, comprende già primarie aziende nazionali e internazionali. Agli attuali sponsor di European Athletics  – gli Official Partner Spar, Euroins, Le Gruyère, Toyo Tires, Würth MODYF, i Preferred Supplier Conica Polanik e il Broadcaster Partner EBU\Eurovision – si aggiungono gli Official Partner Unicredit, Fastweb, già provider per i servizi di telecomunicazione del Parco del Foro Italico, Frecciarossa (Treno Ufficiale e  Jersey Sponsor della nazionale azzurra della FIDAL)  e gli official supplier Uliveto, Toyota, Net Integratori, Karhu, Humangest e XMetaReal. Il piano di comunicazione integrata sarà inoltre rafforzato dalla partnership con il Corriere dello Sport e Tuttosport, che garantiranno copertura mediatica ed editoriale fino al termine di Roma 2024. Gli sponsor hanno partecipato attivamente al workshop, portando il loro contributo e condividendo le proprie esperienze, in un contesto che favorisce il networking e l’apertura verso nuove collaborazioni. 
Da Glasgow, dove oggi sono iniziati i Campionati Mondiali Indoor di Atletica, è arrivato il saluto agli sponsor di Stefano Mei, presidente della FIDAL e della Fondazione EuroRoma 2024. “Spero che quello di oggi sia stato un workshop piacevole e proficuo. Vi prometto che il prossimo giugno vivremo un’esperienza meravigliosa. Colgo l’occasione per sottolineare il vostro supporto per la riuscita dei Campionati Europei ed esprimere la mia gratitudine per la vostra partnership e amicizia. Spero di vedervi presto di persona a Roma. Viva l’atletica” le parole di Mei.
Durante la visita organizzata all’interno dello Stadio Olimpico e nelle altre strutture del Parco del Foro Italico, c’è stata una gradita sorpresa per gli sponsor, che hanno incontrato in anteprima la mascotte ufficiale dei Campionati Europei di Atletica Leggera Roma 2024. Ludo – il nome della mascotte scelto dagli utenti che hanno partecipato al sondaggio lanciato sui profili social ufficiali dell’evento – ha mosso così i suoi primi passi nei luoghi che la vedranno diventare una protagonista dell’animazione il prossimo giugno. Durante la manifestazione nel Parco del Foro Italico sarà infatti allestito un Fan Village per l’interazione fra aziende partner e pubblico dell’evento. Infine, per gli sponsor che vorranno ospitare clienti e stakeholders, è previsto un servizio di Corporate Hospitality con la possibilità di acquistare Vip Tickets e palchi riservati, comprensivi di servizi di ristorazione e accoglienza.

Cento giorni agli Europei Roma 2024. Furlani: “Non vedo l’ora di saltare all’Olimpico”

Prosegue il countdown per l’avvio dei Campionati Europei di Atletica Leggera Roma 2024. Tra 100 giorni lo Stadio Olimpico e il Parco del Foro Italico diventeranno il teatro del grande evento internazionale, che tornerà nella Capitale cinquanta anni dopo l’ultima edizione ospitata dall’Italia nel 1974.

Dal 7 al 12 giugno quasi 1.600 atleti si sfideranno a Roma per 6 giorni consecutivi di gara ad alto contenuto tecnico e spettacolare, con 11 sessioni complessive, 5 al mattino e 6 serali. I migliori atleti italiani e del continente si confronteranno in 24 diverse discipline per contendersi le 141 medaglie in palio.

I biglietti e gli abbonamenti per seguire dal vivo i Campionati Europei di Atletica Leggera Roma 2024 sono in vendita qui, con prezzi a partire da 5 euro più diritti di prevendita e commissioni di servizio per le sessioni singole di gara mattutine. Allo Stadio Olimpico sono attese tante famiglie e per agevolare la loro partecipazione verrà consentito l’ingresso gratuito ai bambini fino a 6 anni di età.

Tra i protagonisti più attesi della nazionale azzurra ci sarà Mattia Furlani. Ai Campionati Assoluti di Ancona il giovane atleta laziale ha stabilito il nuovo record italiano del salto in lungo indoor con la misura di 8,34 metri, che rappresenta anche il primato mondiale Under 20.

Nel weekend Furlani sarà impegnato ai Campionati Mondiali Indoor di Glasgow, prima di esibirsi a Roma 2024, in uno stadio che per lui rappresenta un luogo speciale.

“Gli Europei saranno un’emozione strabiliante. Saltare in casa non è come farlo in altri posti. Le gare internazionali in Italia non sono molte, ma ogni volta che capitano è un’emozione unica. Spero sia l’inizio di un grande percorso” racconta Furlani.

Per il campione europeo Under 20 gli Europei di Roma saranno anche una questione di famiglia. “Vorrei che allo stadio ci fosse mia madre, che mi allena, insieme a mio fratello e a tutta la famiglia. Il rapporto con mia mamma non è descrivibile, le devo tutto. Se ottengo questi risultati è solo grazie a lei che studia e programma gli allenamenti svegliandosi alle 5 di mattina”.

“L’atletica italiana sta vivendo il periodo migliore di sempre. Raggruppare tutti i migliori atleti in un’unica competizione in Italia sarà un qualcosa di unico. Gimbo (Tamberi, ndr) e Marcell Jacobs sono i campioni olimpici in carica, senza dimenticare Larissa Iapichino. Nelle mie esultanze c’è un po’ di anima “gimbesca”: Tamberi è la più grande ispirazione che esista in questo sport a livello mondale. È il più grande di tutti e mi ispiro a lui” chiude Furlani.

Il pesista Leonardo Fabbri: “Sogno l’Olimpico pieno per l’atletica”

“Sarà bellissimo vivere gli Europei di Atletica Leggera Roma 2024 con lo Stadio Olimpico tutto per noi. Non vedo l’ora che inizino”. Leonardo Fabbri, pesista italiano classe ’97, non ha dubbi. “Sarà una bella occasione che non so quando ricapiterà – ha detto l’atleta vincitore dell’argento ai Mondiali di Budapest 2023 – quindi bisogna godersela al massimo e divertirsi. Le Olimpiadi sono importantissime, ma un Europeo in casa va fatto bene”.

È iniziato il conto alla rovescia verso la competizione, in programma dal 7 al 12 giugno allo Stadio Olimpico e al Parco del Foro Italico (biglietti e abbonamenti in vendita qui). “Mi piace tanto coinvolgere il pubblico. Spero che lo stadio sia pieno perché, anche se non saremo al 100%, daremo sicuramente qualcosa in più. Se lo meriterebbe tutta l’atletica italiana visto che ultimamente stiamo facendo molto bene”, ha aggiunto Fabbri che ha un legame speciale con la Città Eterna. “Ho gareggiato al Golden Gala a Roma, godendomi l’affetto dei tifosi. La curva vicina alla pedana del peso è sempre stata gremita. Gli Europei saranno un sogno”, ha dichiarato il 26enne, nato a Bagno a Ripoli, alle porte di Firenze.

Il prossimo giugno all’Olimpico, nella gara del getto del peso – “un gesto esplosivo che nonostante il nostro fisico imponente ci fa sembrare dei ballerini” – il toscano non sarà solo. Con lui anche l’altro azzurro Zane Weir. Aspettando Roma 2024, i due atleti italiani saranno impegnati nella finale di venerdì ai Mondiali indoor di Glasgow. “Abbiamo un bellissimo rapporto. Siamo amici nella vita di tutti i giorni – racconta Fabbri – ci stimoliamo a vicenda e cerchiamo di prendere ogni giorno qualcosa l’uno dall’altro. A Roma possiamo puntare al titolo o a una doppietta. Sarà bellissimo. Spero che questo rapporto ci porti ad essere un giorno il Messi e il Ronaldo del getto del peso”.

Una volta terminati gli Europei, l’azzurro cercherà di prendersi una rivincita alle Olimpiadi. “Dopo aver mancato la finale per dieci centimetri a Tokyo mi sono detto: “A Parigi non voglio nessuno davanti a me”. Sono una persona di parola, ce la metterò tutta. È da quella sera in Giappone che non vedo l’ora di tornare su una pedana olimpica e “infiammare” il peso”.

Scelto il nome della mascotte di Roma 2024: si chiama Ludo

Sorride sempre, ama la storia della Città Eterna e si chiama Ludo. È il nome della mascotte dei Campionati Europei di Atletica Leggera Roma 2024, scelto dagli appassionati di atletica di tutta Europa, che hanno partecipato al sondaggio aperto sui profili social ufficiali della manifestazione.

Dopo le diverse proposte lanciate dagli utenti, si è arrivati alla scelta finale del nome fra quattro opzioni: Ludo ha avuto la meglio su Urbe, Astra e Flavio.

Un nome, Ludo, che si sposa perfettamente con il disegno della mascotte ispirato alla tradizione di Roma e al suo monumento più celebre, il Colosseo. I “Ludi”, infatti, erano i giochi pubblici organizzati dall’Impero Romano per intrattenere il popolo ed erano inseriti tra le festività del calendario dell’Antica Roma. I “Ludi Magni” erano dedicati a Giove e furono inaugurati dal re Lucio Tarquinio Prisco.

Nella lingua latina con il termine “ludus” si intende appunto gioco e divertimento, che sarà proprio lo spirito della mascotte, pronta a diventare una vera protagonista dell’animazione al Foro Italico.

Nei prossimi giorni il pubblico potrà scoprire in anteprima Ludo allo Stadio Olimpico, dove dal 7 al 12 giugno (compra i biglietti qui) verranno assegnate le 141 medaglie in palio ai Campionati Europei di Atletica Leggera. 

La mascotte non vede l’ora di divertirsi sulla pista d’atletica insieme ai campioni, in mezzo al pubblico sugli spalti e nel Fan Village che verrà allestito all’esterno dello Stadio Olimpico.

La mascotte di Roma 2024 è pronta: il nome lo decidi tu!

Le forme del Colosseo e un battesimo che coinvolge gli appassionati di atletica di tutta Europa. Saranno infatti gli utenti a partecipare attivamente alla scelta del nome della mascotte degli Europei di Atletica Leggera Roma 2024, ispirata alla storia della Città Eterna.

Da oggi sui canali social ufficiali dell’evento verranno raccolte le proposte attraverso i commenti degli utenti e giovedì 22 febbraio si aprirà il sondaggio sui canali Instagram e X di Roma 2024, che avrà la durata di 24 ore. Il nome più votato dai partecipanti diventerà quello ufficiale della mascotte dell’evento in programma dal 7 al 12 giugno allo Stadio Olimpico e al Parco del Foro Italico.

Nei prossimi giorni la mascotte verrà presentata al pubblico e la città inizierà a scoprire le sue caratteristiche. Il disegno richiama al Colosseo, il monumento più celebre della Città Eterna, pronta a ospitare i Campionati Europei di Atletica Leggera a 50 anni di distanza dall’ultima edizione svolta nel 1974, mentre i colori sono quelli dell’evento.

La mascotte di Roma 2024 ama stare in mezzo alla gente e inizierà a farsi vedere in giro per la città, aspettando di animare da protagonista le sei giornate degli Europei a giugno. La vedremo interagire con gli atleti sul campo di gara e intrattenere il pubblico sugli spalti e nel Fan Village, che verrà allestito all’esterno dello stadio. Ma prima di tutto ha bisogno di un nome: aiutatela a trovarlo.

Europei di Atletica Roma 2024, il programma delle gare e le informazioni sui biglietti

I biglietti e gli abbonamenti per seguire dal vivo i Campionati Europei di Atletica Leggera Roma 2024 sono in vendita qui, con prezzi a partire da 5 euro più diritti di prevendita e commissioni di servizio per le sessioni singole di gara mattutine.

La Fondazione EuroRoma 2024 sta predisponendo una serie di promozioni speciali, alcune delle quali già attive, dedicate alle società di atletica italiane (ASD e SSD affiliate alla FIDAL) ed europee, alle scuole, agli sponsor e ai partner dell’evento e a diverse realtà collegate al mondo dello sport.

ABBONAMENTI

Oltre ai biglietti per le singole sessioni di gara, sono disponibili gli abbonamenti per le prime tre giornate di gare (Starting Weekend, 7-9 giugno), le ultime tre (Ending Days, 10-12 giugno) e il pacchetto completo per seguire l’intera manifestazione (All-In, 7-12 giugno). In vendita anche i biglietti Premium (Tribuna Monte Mario, Lato Arrivi e Partenze) per chi vorrà godersi in prima fila le sfide più avvincenti.

Allo Stadio Olimpico sono attese tante famiglie e per agevolare la loro partecipazione verrà consentito l’ingresso gratuito ai bambini fino a 6 anni di età.

IL PROGRAMMA DELLE GARE

Il programma dei Campionati Europei di Atletica Leggera Roma 2024 prevede sei giorni consecutivi di gare dal 7 al 12 giugno e undici sessioni complessive, cinque al mattino e sei serali. I migliori atleti italiani ed europei si esibiranno sulla pista e le pedane dello Stadio Olimpico, sui viali del Foro Italico per la marcia e sulle strade della Capitale per la mezza maratona.

Le prime medaglie verranno assegnate nella serata del 7 giugno. Nella marcia 20km femminile la campionessa Antonella Palmisano è attesa tra le favorite su un percorso disegnato all’interno del Parco del Foro Italico, che transiterà per lo Stadio dei Marmi e culminerà all’interno dello Stadio Olimpico. Gli azzurri Leonardo Fabbri e Zane Weir si preparano a sfidare durante la stessa sessione i rivali europei nella finale del getto del peso maschile, mentre Marcell Jacobs sarà chiamato a confrontarsi con i suoi rivali europei nelle batterie dei 100 metri maschili per qualificarsi alla finale in programma l’8 giugno.

Il brivido dei 100 metri e non solo, la seconda serata di gare potrebbe essere arricchita da tanti protagonisti azzurri: Massimo Stano e Francesco Fortunato nella marcia 20km maschile, i giovani romani Mattia Furlani nel salto in lungo e Lorenzo Simonelli nei 110 metri ostacoli, Daisy Osakue nel lancio del disco.

La mattina di domenica 9 giugno partirà la mezza maratona maschile e femminile, con un percorso che toccherà alcuni dei luoghi più iconici della città e terminerà all’interno dello Stadio Olimpico: Yeman Crippa ha segnato sulla sua agenda questo appuntamento speciale. Nella stessa mattinata Gianmarco Tamberi esordirà nelle qualificazioni del salto in alto, con la finale programmata l’11 giugno, mentre la sera si correranno le semifinali e la finale dei 100 metri femminili: Zaynab Dosso, la donna più veloce d’Italia, vuole stupire davanti al pubblico di casa.

Filippo Tortu avrà invece l’occasione di inseguire un’altra medaglia europea nei 200 metri: la finale è in calendario il 10 giugno, serata nella quale Sara Fantini potrebbe tentare l’assalto a una medaglia nel lancio del martello femminile. Il giorno dopo, oltre al salto in alto, altri due azzurri (Alessandro Sibilio e Ayomide Folorunso) avranno l’opportunità di mettersi in luce nei 400 ostacoli maschili e femminili.

Gran chiusura il 12 giugno con il salto con l’asta maschile e il salto in lungo femminile, dove sono attesi la superstar svedese Armand Duplantis e l’azzurra Larissa Iapichino, e lo spettacolo delle staffette 4×100 e 4×400 maschili e femminili, in cui le squadre italiane puntano a vincere diverse medaglie.

Roma 2024, presentati in Campidoglio i Campionati Europei di Atletica Leggera

Le stelle della grande atletica si preparano a illuminare il cielo di Roma. Dal 7 al 12 giugno lo Stadio Olimpico, il Parco del Foro Italico e i luoghi più iconici della città faranno da cornice ai Campionati Europei di Atletica Leggera Roma 2024, presentati oggi ufficialmente nell’Aula Giulio Cesare in Campidoglio.

I Campionati Europei di Atletica Leggera, organizzati dalla Fondazione EuroRoma 2024 (partecipata da Dipartimento Sport della Presidenza del Consiglio dei Ministri, Regione Lazio, Roma Capitale, CONI, Sport e Salute, FIDAL) e da European Athletics, tornano in Italia a cinquant’anni esatti di distanza dall’ultima edizione ospitata nel 1974, anche allora nella Capitale, e precederanno di cinquanta giorni l’avvio delle gare di atletica ai Giochi Olimpici Estivi di Parigi.

I NUMERI

I grandi campioni dell’atletica si esibiranno per sei giorni consecutivi e saranno i protagonisti di una competizione articolata in 11 sessioni complessive di gara e 24 diverse discipline. Le medaglie in palio saranno 141 e, ad oggi, quasi 1.600 atleti appartenenti a 47 federazioni europee compongono la lista preliminare delle iscrizioni alle gare, che verranno completate entro il 30 maggio.

LE ISTITUZIONI E GLI ATLETI PRESENTI

Nel corso della conferenza stampa sono intervenute le più importanti istituzioni politico-sportive, tra cui il Sindaco di Roma Capitale Roberto Gualtieri, il presidente della FIDAL e della Fondazione EuroRoma 2024 Stefano Mei, il Capo del Dipartimento Sport della Presidenza del Consiglio dei Ministri Flavio Siniscalchi, il presidente di European Athletics Dobromir Karamarinov, il presidente del CONI Giovanni Malagò, il presidente del Comitato Italiano Paralimpico Luca Pancalli, il presidente di Sport e Salute Marco Mezzaroma, l’Assessore di Roma Capitale ai Grandi Eventi, Sport, Turismo e Moda Alessandro Onorato e l’Assessore della Regione Lazio all’Ambiente, Sport, Cambiamenti climatici, Transizione energetica, Sostenibilità Elena Palazzo. Ha partecipato alla conferenza stampa anche una rappresentanza di atleti della Nazionale italiana composta da Antonella Palmisano, Massimo Stano, Mattia Furlani, Zaynab Dosso e Lorenzo Simonelli.

LE DICHIARAZIONI

“Roma è pronta ad accogliere i Campionati Europei di atletica leggera. Cinquant’anni dopo la straordinaria vittoria di Pietro Mennea allo stadio Olimpico, nell’edizione del 1974, la città è pronta rivivere quelle emozioni e a scrivere un’altra pagina memorabile di sport insieme al resto del Paese. Saranno sei giorni entusiasmanti per un grande evento internazionale a cui Roma farà da palcoscenico. É uno degli obiettivi che ci siamo dati fin da inizio mandato: rilanciare la città aumentando con una programmazione serrata il numero degli eventi sportivi e culturali, un approccio che ci ha consentito nel 2023 di battere ogni record per presenze turistiche. Grazie alla Ryder Cup, al Sei Nazioni, agli Internazionali di Tennis, a Piazza di Siena, al Giro d’Italia, alla Maratona e a tanti altri eventi Roma è sempre più Capitale d’Italia e dello sport” ha detto il Sindaco di Roma Roberto Gualtieri.

“Da Gianmarco Tamberi a Marcell Jacobs saranno presenti tutti i migliori atleti azzurri. L’atletica italiana sta vivendo un momento straordinario, confermato dai recenti risultati, per un totale di 17 record italiani in 9 specialità diverse nelle ultime tre settimane. Gli Europei di Roma 2024 saranno l’occasione per mostrare la crescita del nostro movimento e il trampolino di lancio verso le Olimpiadi di Parigi” ha dichiarato il presidente della FIDAL e della Fondazione EuroRoma 2024 Stefano Mei.

“Sono passati 50 anni da quando questa grande città ha ospitato i Campionati Europei e attendiamo tutti con eccitazione il ritorno del nostro principale evento in uno dei luoghi più iconici dello sport, lo Stadio Olimpico, nel prossimo mese di giugno. Congratulazioni al Comitato Organizzatore Locale e alla FIDAL, per tutto il grande lavoro svolto finora in preparazione di Roma2024. Ora ci troviamo nell’ultima frazione di questa importante staffetta e dobbiamo concludere con determinazione questa fase, per portare a casa il testimone e offrire il meglio di noi” ha detto Dobromir Karamarinov, presidente di European Athletics.

“Insieme ai Giochi Olimpici di Parigi e al Campionato Europeo di Calcio UEFA, gli eventi in calendario promettono un 2024 incredibile per tutto lo sport europeo. Con i Campionati Europei di Atletica Leggera abbiamo tutti gli ingredienti per realizzare uno dei momenti più salienti dell’anno, riunendo gli atleti migliori in uno degli stadi più importanti e offrendo performances di alto livello” aggiunge Karamarinov.

“Quest’anno per la prima volta, assegneremo agli atleti in occasione degli Europei di Roma 2024, un Bonus di Performance per un totale di 500mila euro. Questa iniziativa porta innovazione, prestigio e riconoscimento a questo sport meraviglioso. Prossimamente lanceremo il nostro programma di Ambassador per Roma 2024, che includerà alcuni dei più grandi modelli del nostro sport. Fa parte di una più ampia collaborazione con gli atleti, non si tratta solo di medaglie d’oro, ma di coloro che possono evidenziare il grande lavoro che l’atletica fa nei settori della salute mentale, dello sviluppo giovanile, della sostenibilità e dell’inclusività. Siamo uno sport unico che tocca la vita di milioni di persone, e non vediamo l’ora che Roma 2024 diventi un momento di celebrazione collettiva per l’atletica in Europa” chiude Karamarinov.

“Gli Europei a Roma, a 50 anni dall’ultima edizione ospitata nel nostro Paese, riscrivono la storia e premiano la credibilità internazionale della Federazione presieduta da Stefano Mei, celebrando idealmente i grandi risultati ottenuti dall’intero movimento negli ultimi anni, sulla scia del sensazionale record ottenuto ai Giochi di Tokyo 2020” ha evidenziato il presidente del Coni Giovanni Malagò.

“Dopo 50 anni Roma torna ad essere teatro degli Europei di atletica leggera. Un appuntamento prestigioso e affascinante che richiama alla mente campioni leggendari e grandi pagine di sport. Ma il presente dell’atletica azzurra è altrettanto luminoso. Oggi, con un’Italia fortemente competitiva, le aspettative sono alte. I recenti successi maturati in ambito internazionale, infatti, ci autorizzano a pensare in grande. Ciò che ci attende, però, è una sfida nella sfida. Non solo confermarci agli alti livelli raggiunti nelle recenti competizioni, ma anche quello di dimostrare che Roma e il nostro Paese hanno tutte le carte in regola per ospitare i grandi eventi sportivi. Manifestazioni che, se organizzate con professionalità e dedizione, come sono sicuro avverrà in questa edizione, possono dare un importante impulso allo sviluppo economico del territorio e alla crescita culturale del nostro Paese” ha dichiarato Luca Pancalli, Presidente del Comitato Italiano Paralimpico.

“Siamo felici di ospitare al Foro Italico gli Europei di Atletica e orgogliosi di aver svolto un importante ruolo operativo nell’organizzazione insieme alla Fondazione EuroRoma2024. Non vediamo l’ora di accogliere atleti, appassionati e vivere le emozioni della grande atletica in un rinnovato Foro Italico, dallo Stadio Olimpico allo Stadio dei Marmi passando per il villaggio e la Medal Plaza per le premiazioni. I grandi eventi sono un volano per l’economia, il turismo e la crescita della pratica sportiva, e un’occasione per veicolare un forte messaggio di promozione dello sport e dei corretti stili di vita” ha detto il presidente di Sport e Salute Marco Mezzaroma.

“Essere qui dimostra l’entusiasmo e la professionalità con cui Roma si prepara ad accogliere questo appuntamento, così importante e atteso. Porto i saluti del Ministro per lo Sport e i Giovani Andrea Abodi che lo ha voluto fortemente sostenere. Questi Campionati sono un’occasione straordinaria per accrescere non soltanto il pil economico ma anche quello culturale del nostro Paese. Proseguiamo insieme, con grande entusiasmo e collaborazione” ha dichiarato il Capo del Dipartimento per lo Sport Flavio Siniscalchi.

“Saranno gli Europei più belli degli ultimi anni. Le gare si disputeranno non solo in un rinnovato stadio Olimpico e nello stupendo stadio dei Marmi riportato al suo antico splendore ma anche nei luoghi più iconici della città all’ombra dei monumenti più evocativi: da piazza Navona a Castel Sant’Angelo, da San Pietro al Ponte della Musica fino al Colosseo. Roma si conferma Capitale dello sport e dei grandi eventi, che sono sempre più volano fondamentale per il turismo. La nostra città grazie a questi appuntamenti internazionali vive una nuova giovinezza fatta di valori che solo lo sport sa rappresentare al meglio: impegno, sacrificio e determinazione. Valori che incarnati da campioni come Jacobs, Tamberi e Palmisano diventano modelli sani e positivi per le ragazze e i ragazzi che seguendo il loro esempio riempiono gli impianti sportivi” ha affermato l’Assessore di Roma Capitale Alessandro Onorato.

“Il legame tra il Lazio e l’atletica è fortissimo e si percepisce un clima di grande attesa attorno agli Europei di giugno. Siamo convinti che eventi di tale portata rappresentino un volano per la promozione sportiva e turistica, motivo per cui la Regione Lazio ha dato un importante sostegno a questo appuntamento. Ci aspettiamo numeri significativi nel Lazio sia in termini di arrivi che di nuovi praticanti, invogliati dalle gesta dei campioni. L’atletica intanto ha già scelto gli impianti della nostra regione in vista degli Europei: come già ha fatto Gianmarco Tamberi al Bruno Zauli di Formia, Marcel Jacobs da maggio sarà al il Guidobaldi di Rieti per prepararsi alla sfida europea e il pubblico potrà assistere alle sedute di allenamento. Un modo per entrare tutti insieme in clima Europei e per estendere il coinvolgimento al resto del territorio del Lazio” ha detto l’Assessore della Regione Lazio Elena Palazzo.

PARTNER DI PRIMISSIMO LIVELLO PER UN GRANDE EVENTO

La Fondazione EuroRoma 2024, in collaborazione con DAO, Marketing Advisor dell’evento, ha attivato collaborazioni con primarie aziende nazionali. Agli attuali sponsor dei Campionati Europei di Atletica Leggera Roma 2024 – gli Official Partner Spar, Euroins, Le Gruyère, Toyo Tires, Würth MODYF, i Preferred Supplier Conica e Polanik e il Broadcaster Partner EBU\Eurovision – si aggiungono gli Official Partner Unicredit (Main Partner della progetto Your Sport For Life dedicato alle scuole), Fastweb, già provider per i servizi di telecomunicazione del Parco del Foro Italico, Frecciarossa, Treno Ufficiale e Jersey Sponsor della nazionale azzurra della FIDAL, e gli Official Supplier Uliveto, Toyota, Net Integratori, Karhu e Humangest.

Il piano di comunicazione integrata sarà inoltre rafforzato dalla partnership con il Corriere dello Sport e Tuttosport, che garantiranno copertura mediatica ed editoriale fino al termine di Roma 2024.

Durante la manifestazione nel Parco del Foro Italico sarà allestito un Fan Village per l’interazione fra aziende partner e pubblico dell’evento. Infine, per gli sponsor che vorranno ospitare clienti e stakeholders, è previsto un servizio di Corporate Hospitality con la possibilità di acquistare Vip Tickets e palchi riservati, comprensivi di servizi di ristorazione e accoglienza.

PAOLO ROSI, IL FRANK SINATRA DEI TELECRONISTI

Paolo Rosi è più fortunato di Nando Martellini. Lentamente, ma sempre di più, i frequentatori dello stadio che porta il suo nome hanno ormai metabolizzato l’intitolazione all’ex rugbista diventato poi telecronista di boxe, atletica e, naturalmente, palla ovale. Non più, o comunque sempre meno, Acquacetosa o Stadio delle Aquile, ma Paolo Rosi, che peraltro aveva casa a poche centinaia di metri dall’impianto. Diverso è il discorso di Caracalla, magari perché l’epopea di Martellini è legata a quel “campioni del mondo, campioni del mondo, campioni del mondo” del 1982 al Santiago Bernabeu e a tanto calcio raccontato.

Quell’arrivo che Paolo Rosi raccontò per la televisione, quasi all’inizio di un percorso nato dopo un concorso vinto a Milano nel lontano 1954, dopo un percorso sportivo di livello, due scudetti con la Rugby Roma e 14 partite in Nazionale, fino alla mitica prima meta azzurra a Twickenham.

Aveva uno stile inconfondibile: la voce iconica, le pause, la perfetta corrispondenza fra ciò che la gente vedeva in tv e le sue parole. Il Frank Sinatra dei telecronisti. Nessun inganno al telespettatore, i decibel si alzavano soltanto quando ne valeva la pena. Ecco allora la rimonta olimpica di Pietro Mennea a Mosca, quel “recupera” strillato sei volte fino al liberatorio “ha vinto!”.

E il crescendo quasi lirico con cui, “Covaaa, Cova, Covaaa”, diede conto dell’azzurro che si prende l’oro del primo mondiale dei 10.000 a Helsinki.

Fino all’ultima puntata, il dialogo con Gelindo Bordin impegnato nell’ultimo giro della vittoriosa maratona di Seul, “Vai Gelindo, hai messo in ginocchio i corridori degli altipiani, tu che vivi in pianura…”

IL MIGRANTE E LA BAMBINA: ECCO L’ATHLETICA VATICANA

Lei si chiama Sara, Sara Vargetto. Ha un sorriso contagioso. È la bambina ora ragazza che è diventata in questi anni un testimonial della Roma che corre. Con papà Paolo, che guida la sua carrozzina accumulando chilometri, emozioni e amicizie. È una presenza fissa nelle più importanti manifestazioni podistiche. Lui è Charles Ampofo, viene dal Ghana, nel 2014 dopo le violenze subite in Libia, è salito su un barcone ed è arrivato a Lampedusa. Ha trovato spazio e lavoro in una cooperativa sociale a Roma. E corre. In questo caso, con Sara, spingendo Sara.

È una delle mattinate in cui si prova a ricominciare dopo l’ennesima ondata della tempesta Covid. Charles e Sara fanno la loro parte insieme. Gareggiano per gli stessi colori, quelli dell’Athletica Vaticana che nella vulgata giornalistica sono ormai i maratoneti del Papa. Sono nati nel 2017. E da allora, hanno tagliato tanti traguardi. La squadra, che ha come riferimento il Pontificio Consiglio della Cultura ed è presieduta da Giampaolo Mattei, scatenato appassionato-papà-dirigente, è addirittura membro di World Athletics e Uci, le due federazioni internazionali di atletica e ciclismo. Ma ora ci sono pure il padel e cricket.

Naturalmente le loro maglie gialle riempiono le partenze delle corse che partono da San Pietro, prima di tutto la Corsa dei Santi anche se nel 2000 via della Conciliazione per il Giubileo ospitò addirittura la partenza della maratona. Ma è il lavoro di tutti i giorni che colpisce. Un continuo, incessante, tentativo di coinvolgere. Quella parola “inclusione” che non si ferma mai, è sempre in movimento con Sara, Charles e tanti altri.

PIAZZA NAVONA E L’ATLETICA DI 2000 ANNI FA

Dicono fosse isolato, taciturno. Che mangiasse solo a colazione. Che fosse timido ma anche violento. Di certo, aveva un’altra caratteristica: gli piaceva l’atletica. L’imperatore Domiziano l’amava forse più dei gladiatori del vicino Colosseo la cui costruzione fu completata proprio durante la sua epoca.

Il suo momento di gloria scoccava quando indossava la toga di stoffa greca e assisteva agli agones, che trovarono con lui una casa strepitosa: lo stadio di Domiziano, il piano di sotto dell’attuale Piazza Navona, i cui resti possono essere visitati oggi in un’atmosfera di grande suggestione.

C’è da provare a chiudere gli occhi, spingere il pulsante della macchina del tempo e finire nell’Antica Roma, 86 anni dopo Cristo. Ecco allora lo scatenarsi delle gare, in particolare un pentathlon molto diverso da quello di oggi: lancio del disco e del giavellotto, lotta, salto in lungo con gli immancabili halteres, i pesi che aiutavano (!) rincorsa e balzi, la corsa. Il campo di gara era lungo 268 metri. E c’erano 30mila persone ad applaudire, più propense a inneggiare pugilato e pancrazio (la lotta dei tempi) che il corri-salti-lanci di allora. La vita dello stadio durò circa tre secoli. Nel frattempo, l’agone diventò navone e poi Navona, il nome della piazza. Piazza che è tornata negli anni palcoscenico dell’atletica: il salto con l’asta, l’ora per gli amatori, il miglio per i top runner e ora ci passa anche la maratona. Insomma, tanta atletica. Domiziano ne sarebbe orgoglioso.

OFFICIAL PARTNERS
BROADCAST PARTNER
Preferred Suppliers
PREFERRED SUPPLIERS
OFFICIAL SUPPLIERS
MEDIA PARTNERS
TICKETING SUPPLIER
MARKETING SUPPLIER
METAVERSE SUPPLIER
HR SUPPLIER
SUPPLIER
INSTITUTIONAL PARTNERS
OFFICIAL PARTNERS
BROADCAST PARTNER
PREFERRED SUPPLIERS
OFFICIAL SUPPLIERS
MEDIA PARTNERS
TICKETING SUPPLIER
MARKETING SUPPLIER
METAVERSE SUPPLIER
HR SUPPLIER
SUPPLIER
INSTITUTIONAL PARTNERS

Copyright © 2024. Tutti i diritti riservati.
Privacy PolicyCookie Policy

Copyright © 2023. All rights reserved. Privacy PolicyCookie Policy